Come trovare il mutuo più conveniente

Miglior Mutuo: Come Confrontare Mutui e Trovare Il Più Conveniente

Scegliere il mutuo più conveniente? Ecco come

Trovare il mutuo più conveniente tra tutti quelli disponibili non è per niente così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Tutt’altro: si tratta di una missione molto faticosa, che dalla persona richiede una notevole attenzione anche a quelli che a prima vista potrebbero sembrare i dettagli più minimali. Ci vuole, certamente, una buona dose di conoscenza e anche una certa esperienza. Inoltre, è anche meglio affidarsi ai consigli dei professionisti per trovare il mutuo più conveniente tra tutti quelli presenti sul mercato. Quali sono?

La valutazione dei parametri

Quando si scegliere il miglior mutuo non si può proprio fare a meno di prendere in considerazione la possibilità di valutare tutti i fattori, come la durata del prestito, il numero delle rate e così via. Ci sono, però, due criteri principali sui quali occorre prestare la massima attenzione possibile: il TAEG e lo spread.

Lo spread rappresenta il valore che rappresenta il guadagno che la banca riceve da un mutuo. Ovviamente, più è alto questo valore e maggiore sarà il guadagno della banca. Pertanto conviene cercare le offerte di mutuo con uno spread abbastanza basso. D’altro canto bisogna capire che più alto è il valore dello spread e maggiore sarà l’affidabilità della banca. La migliore soluzione in questo caso è di trovare un istituto di credito popolare e con una buona reputazione alle spalle, che offra dei valori di spread abbastanza bassi. In questo modo, il richiedente non spenderà troppo per il mutuo e al contempo avrà la sicurezza di collaborare con un ente di finanziamento completamente affidabile.

Per quanto riguarda il TAEG, si tratta del Tasso Annuo Effettivo Globale. Esso include le spese accessorie e quelle d’istruttiva, che servono per sottoscrivere il mutuo. Il valore TAEG dev’essere paragonato in relazione al TAN, ovvero al Tasso Annuo Nominale. Più elevata sarà a differenza tra i due tassi, e più probabile che il mutuo possa riservare dei costi inaspettati. Non a caso, gli istituti di credito più famosi e con un’elevata reputazione alle spalle propongono dei tassi d’interessa TAN e TAEG i cui valori sono molto simili.

Tra gli altri criteri da considerare durante la scelta di un buon mutuo non ci si può dimenticare nemmeno di tutto ciò che riguarda la durata del prestito (se è abbastanza elevato, l’utente avrà più tempo per restituire il denaro), il numero delle rate e anche le eventuali opzioni accessorie, come, per esempio, la possibilità di sospendere il pagamento delle rate per qualche mese. Ogni banca, difatti, cerca di offrire

mutuo-piu-conveniente

Agevolazioni per il mutuo

In alcuni casi le banche stesse offrono ai richiedenti anche delle agevolazioni sul mutuo per l’acquisto della prima casa oppure nel caso del mutuo richiesto per le altre finalità. Ogni banca cerca di offrire ai propri clienti delle agevolazioni particolari, in modo da aumentare la probabilità che il mutuo venga richiesto proprio presso la sua struttura. D’altro canto, per il cliente le agevolazioni potrebbero rappresentare anche un ottimo modo per ottenere il finanziamento a condizioni particolarmente convenienti.

Per questo, se ci sono due mutui, di cui uno che può essere richiesto con delle agevolazioni e l’altro no, si consiglia di scegliere il primo, specialmente se tutti i criteri dello stesso sono corrispondono alle esigenze del cliente.

Il confronto con gli altri mutui

Uno dei migliori modi per scegliere il mutuo migliore è sicuramente quello di confrontarli. Per farlo è possibile richiedere i preventivi gratuiti e senza impegno alle banche di riferimento, oppure rivolgersi al mondo del web. Al giorno d’oggi su Internet esistono diversi servizi che offrono ai clienti interessati la possibilità di svolgere il confronto online. Vale sempre la pena di mettere a confronto i vari dettagli del mutuo prima di scegliere quello definitivo. Solo così si sarà la possibilità di selezionare il mutuo più conveniente da tutti i punti di vista.

Spesso, i criteri relativi alla scelta di un mutuo conveniente sono variabili anche in base ai dati della persona che richiede il mutuo. Per questo tali servizi potrebbero richiedere al cliente d’inserire alcune informazioni generali, come l’età, l’esperienza lavorativa, il tipo di lavoro, la zona di residenza e così via. Grazie a queste informazioni, il servizio potrà fornire agli interessati le informazioni richieste in una maniera più precisa: è meglio inserire i dati con attenzione, quindi.

Tasso fisso, tasso misto oppure tasso variabile: cosa scegliere?

Un’altra scelta su cui vale la pena concentrarsi riguarda la tipologia di tasso da applicare. Come ben sanno coloro che hanno mai provato a richiedere un mutuo, il tasso può essere di 3 tipologie:

  • fisso;
  • misto;
  • variabile.

Ognuna di queste 3 tipologie include dei vantaggi e degli svantaggi. Quale scegliere per risparmiare? Dipende.

L’opzione ideale sarebbe quella di puntare su un tasso fisso basso. In questo modo si avrà la possibilità di essere sicuri che il tasso non cambierà per tutta la durata del prestito. Esso, difatti, sarà costante e non cambierà mai. Per questo, il cliente può essere sicuro che non ci saranno sorprese ed egli non dovrà pagare niente di più rispetto alla somma segnata nel contratto.

Il tasso variabile, invece, è ideale per coloro che richiedono il prestito quando il tasso è alto e ci sono delle previsioni relative al fatto che questo si potrebbe abbassare. Il tasso variabile, difatti, si può riequilibrare a seconda di quelle che sono le oscillazioni del mercato. Questo, però, non significa che il tasso si può solo abbassare, ma anche che può aumentare.

Il tasso misto, infine, rappresenta una combinazione dei due tassi principali: si tratta della scelta meno popolare.

La scelta in merito a che tipo di tasso scegliere spetta solo al cliente, anche se la banca potrebbe consigliarne una tipologia particolare.