Rinegoziazione Mutuo Intesa San Paolo

Rinegoziare Mutuo Intesa San Paolo: Guida e Consigli Pratici

Stipulare un mutuo è sicuramente utile. A seconda delle proprie specifiche esigenze, infatti, affidarsi ad una banca per acquistare casa è sicuramente la scelta più indicata. Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, sono tante le opzioni disponibili per poter beneficiare di un mutuo, così da poter ricevere un sostegno adeguato per acquistare la casa dei propri sogni.

Tuttavia non è raro che, dopo qualche tempo, la soluzione scelta in principio non ci soddisfi più: si sente a questo punto l’esigenza di cambiare qualche parametro e scegliere quelli che più si confanno alla propria situazione; poste in essere siffatte premesse, viene da chiedersi se effettivamente sia possibile modificare in corso d’opera il contratto stipulato e quale sia l’iter da seguire affinché questo avvenga nel migliore dei modi e senza inconvenienti di sorta.

Vale la pena, quindi, cercare di comprendere quali siano le dinamiche che orbitano intorno la rinegoziazione del mutuo, affinché sia più semplice orientarsi in questa particolare scelta.

Rinegoziare il mutuo con Intesa San Paolo: una realtà possibile?

Come accennato, non è raro che dopo aver stipulato il contratto con la banca ci si renda conto che ci sono fattori non più congrui alle proprie esigenze. Da un punto di vista meramente generale è possibile affermare che ci sono tre strade principali da seguire: la sostituzione, la surroga o la rinegoziazione. Opzioni differenti che seguono delle specifiche declinazioni, ognuna diversa dalle altre.

Attraverso la richiesta del mutuo Domus con Intesa San Paolo, è possibile approfondire questi differenti scenari. In via preliminare, è doveroso tenere presente che Intesa San Paolo prevede tutte e tre le opzioni con alcune differenze.

La principale differenza tra queste tre opzioni si sostanzia nella pratica alle modalità di accesso, che variano a seconda del cliente. Mentre per la surroga e la sostituzione non è necessario che si sia clienti della banca, per la rinegoziazione è imprescindibile che il richiedente sia già cliente di Intesa San Paolo.

Il motivo principale di questa differenza? Semplice: la rinegoziazione infatti può essere richiesta da chi ha già posto in essere un contratto con tale istituto bancario, e che voglia in qualsiasi misura ritoccare o modificare le clausole contrattuali, senza poter cambiare tuttavia determinati fattori.

rinegoziazione-mutuo-intesa-sanpaolo

Rinegoziazione: come interagire con la banca e qual è l’iter da seguire

La rinegoziazione non segue una particolare procedura: per aprire una trattativa con la banca, infatti, sarà necessario semplicemente fare una richiesta scritta, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o Posta Elettronica Certificata, nella quale si espongono le motivazioni concernenti la propria volontà di rinegoziare il contratto stipulato.

Le motivazioni della rinegoziazione, nella stragrande maggioranza dei casi, riguardano principalmente le condizioni economiche, che per motivi di vario genere possono essere diventate più difficili da assolvere da parte del contraente.

La rinegoziazione, al pari della surroga, non consente delle modifiche per quanto riguarda la struttura insita del contratto: vale a dire che parametri come intestatario, eventuali garanti e via discorrendo non possono più essere modificati.

E’ sempre possibile porre in essere una rinegoziazione?

Contrariamente a quanto si possa pensare, la rinegoziazione non è sempre possibile: una volta che il richiedente attua una formale richiesta scritta, starà alla banca decidere se riaprire o meno la trattativa. Il tutto, dunque, passa attraverso l’insindacabile giudizio della banca, la quale provvederà a valutare la pratica e a stabilire se effettivamente possono sussistere i requisiti per rinegoziare i termini del contratto.

Il parametro che la banca valuta è quello della convenienza: se la trattativa può portare dei vantaggi anche all’istituto bancario, allora è più probabile che si potrà procedere ad una valutazione della pratica. Dunque, una volta avanzata formale richiesta alla banca, il contraente non dovrà far altro che attendere un’opportuna risposta che potrà dare il via alle trattative, oppure denegare l’istanza fatta dal cliente in caso di incompatibilità.

Rinegoziazione del mutuo: cosa si può rinegoziare effettivamente?

A questo punto verrebbe naturale chiedersi cosa sia effettivamente possibile rinegoziare con la banca: di solito l’oggetto della rinegoziazione è quello relativo sia ad un differente piano di ammortamento (ossia la cifra che il cliente deve corrispondere alla banca che ha erogato il mutuo fino alla sua estinzione), sia al passaggio dal tasso fisso al tasso variabile.

In caso di mutamenti del mercato finanziario, infatti, il cliente potrà chiedere all’istituto di credito una modifica delle clausole del contratto, senza però poter cambiare più di tanto quella che è la struttura del mutuo stesso che di fatto resta invariata.

Qualora non si sia clienti di Intesa San Paolo, invece, si può accedere tranquillamente alle altre due opzioni (surroga e sostituzione), così da valutare quelle che potrebbero essere delle soluzioni più congrue a seconda delle proprie specifiche esigenze.

Rinegoziare mutuo Intesa San Paolo: qualche consiglio utile

Una volta identificate quelle che sono le varie opzioni inerenti la rinegoziazione del mutuo, può rivelarsi utile comprendere come muoversi nel concreto.

Il consiglio principale, come è facilmente intuibile, è quello di recarsi di persona previo appuntamento presso una filiale San Paolo: in questo modo si avrà occasione di parlare con un consulente esperto del settore che saprà guidare il cliente nel miglior modo possibile, illustrandogli tutte le possibili configurazioni a sua disposizione.

Per concludere, quindi, sebbene stipulare un mutuo sia indispensabile qualora si voglia finalmente acquistare una casa, è importante tenere a mente che in alcuni casi specifici è possibile rinegoziare le clausole contrattuali, previa apposita comunicazione alla banca.

Intesa San Paolo offre varie opportunità ai suoi clienti per quanto riguarda la rinegoziazione, cercando sempre e comunque di porsi quale perfetta mediatrice tra le esigenze del contraente e l’effettiva realizzazione di esse, mettendo così al centro la sua soddisfazione.