Surroga Mutuo Unicredit

Surroga Mutuo Unicredit: Caratteristiche, Requisiti e Opinioni

Unicredit banca ha previsto, quindi, per coloro i quali siano alla ricerca di condizioni contrattuali più vantaggiose, di poter accedere ai suoi finanziamenti attraverso la sottoscrizione di contratti di cui alle caratteristiche di seguito riportate.

Prima di addentrarci nei dettagli, occorre dare una breve spiegazione circa il significato di surroga. La surrogazione identifica quella azione di trasferimento del mutuo da una banca all’altra, ciò al fine di ottenere condizioni contrattuali vantaggiose rispetto a quelle concesse dalla banca nella quale il mutuo è stato acceso.

Importi del mutuo in surroga e finalità

Unicredit Banca concede mutui, in surroga, esclusivamente per importi

– non inferiori ai 75.000,00 euro;
– pari alla somma del debito ancora da estinguere;
– non superiori all’80% del valore dell’immobile.

Tassi di interesse

In relazione al muto concesso in surroga, lo stesso può essere concesso con l’applicazione di tasso fisso o variabile o con o senza CAP.

Durata del contratto

La durata contrattuale pattuita per il rimborso dell’importo finanziato può avere una durata variabile dai 5 fino ai 30 anni.

Piano di ammortamento

Il mutuo concesso dovrà essere rimborsato in rate mensili aventi come scadenza l’ultimo giorno del mese; il pagamento potrà essere effettuato o attraverso addebito diretto della rata su un conto corrente Unicredit o su conto acceso presso altra banca, oppure, per cassa allo sportello di una filiale.

surroga-mutuo-unicredit

Modifiche al piano di ammortamento

Durante la vigenza del contratto di mutuo Unicredit, trascorsi almeno 24 mesi dalla stipula, dà la possibilità di poter usufruire di servizi accessori quali:

Taglia rata: è possibile sospendere il pagamento delle rate per un periodo non superiore a 12 mesi;
Riduci la rata: è possibile ridurre l’importo della rata che viene pagata mensilmente, ciò comporta però l’allungamento del piano di pagamento, quindi, il contratto di mutuò avrà una scadenza superiore rispetto a quella iniziale; questa scadenza può essere posticipata di massimo 48 mesi.
Sposta la rata: questa opzione permette di poter sospendere il pagamento delle rate fino ad un massimo di tre mesi; questa opzione comporta l’allungamento della scadenza del contratto di muto. Qualora, durante la vigenza del mutuo, questa opzione non venisse mai attivata, Unicredit riconosce ai clienti un “bonus interessi” ovvero non vengono applicati interessi sulle ultime tre rate (per mutui di durata fino a 10 anni), o sulle ultime sei (per mutui di durata da 10 fino a 20 anni) o ultime nove rate (per mutui di durata superiore a 20 anni) del piano di ammortamento.

Questi strumenti non sono attivabili durante gli ultimi 48 mesi del contratto di mutuo.

Requisiti

Polizza assicurativa incendio e scoppio

Per la stipulazione del mutuo, in surroga, è obbligatorio essere titolari di polizza assicurativa che garantisca l’immobile oggetto del contratto dai rischi di incendio e scoppio. Qualora questa polizza fosse già stata stipulata con l’Istituto di credito precedente sarà necessario effettuare il passaggio del vincolo a favore di Unicredit. Invece, se non si è in possesso di polizza o se questa dovesse risultare scaduta, è possibile stipulare un nuovo contratto assicurativo attraverso le convenzioni che Unicredit propone o, in alternativa, stipulare una polizza presso un assicuratore di fiducia.

Occorre sapere che

Il mutuo in surroga è un nuovo contratto di mutuo che viene sottoscritto tra il mutuatario e una seconda banca. Il mutuatario è colui che ha già in essere un contratto relativo all’acquisto di una casa con un altro Istituto di credito ma, non essendo soddisfatto delle condizioni contrattuali, desidera passare il contratto di mutuo ad un’altra banca.

Come per i classici mutui, anche in caso di surroga, occorrerà presentare alla nuova banca delle garanzie reddituali. Quindi, oltre all’immobile (oggetto del contratto di mutuo) sul quale la banca iscriverà ipoteca a garanzia del credito dell’Istituto, verrà richiesto di presentare ulteriori dichiarazioni reddituali attraverso le quali l’Istituto possa verificare la fattibilità della concessione.

La concessione del mutuo, infatti, è subordinata alla capacità del mutuatario di poter adempiere al pagamento delle rate mensili; questo significa che coloro i quali siano in procinto di presentare tale richiesta devono necessariamente essere in possesso di una fonte di reddito che permetta alla banca di valutare positivamente la domanda di mutuo.

Documenti necessari

Ad ulteriore corredo della richiesta di mutuo in surroga occorrerà presentare al nuovo Istituto di credito tutta la documentazione relativa al vecchio mutuo oltre a copia del compromesso, dell’atto di acquisto, del duplo (relativo alla iscrizione di ipoteca), del certificato di abitabilità e dell’ulteriore documentazione catastale, compresa la planimetria dell’immobile, senza dimenticare i conteggi relativi alla somma residua del precedente mutuo.

Infine, bisogna tenere conto delle spese accessorie che dovranno essere sopportate; dette spese sono quelle notarili, relative alla redazione degli atti da parte del notaio con annessi i vari adempimenti riguardanti le trascrizioni presso i registri immobiliari e quelle di istruttoria qualora la banca preveda un sopralluogo, nell’immobile oggetto del contratto di mutuo, da parte del perito dalla stessa nominato.