Mutuo Liquidità

Mutuo Liquidità: Significato, Requisiti, Calcolo Rata e Costi Notarili

Quando si parla di mutuo liquidità, generalmente, si tende a creare una certa confusione chi potrebbe rendere il concetto di questo finanziamento meno chiaro da comprendere. Ecco tutto quello che occorre conoscere del suddetto affinché sia possibile ottenere il migliore dei risultati possibili senza compiere alcun errore.

Cosa si intende per mutuo liquidità

Quando si fa riferimento alla suddetta tipologia di finanziamento, si parla di un prestito che può essere richiesto nel momento in cui si entra in pieno possesso dell’immobile acquistato con il precedente mutuo. Quando si acquista una casa e si richiede il classico finanziamento, infatti, sull’immobile ricade un’ipoteca che permette alla banca di entrare in possesso dell’edificio nel momento in cui tu non riesci a pagare le diverse rate del prestito.

Quando il mutuo della tua abitazione viene estinto, tu diventi l’effettivo proprietario e in questo caso hai la possibilità di richiedere il mutuo liquidità. Ma in cosa consiste questo finanziamento? Si parla di un prestito generalmente senza finalità il cui obiettivo è quello di farti ottenere del denaro per poter fronteggiare delle spese improvvise oppure programmate che necessitano di un determinato captale per essere fronteggiate.

In questo caso devi ovviamente prendere in considerazione il fatto che il suddetto finanziamento deve essere necessariamente studiato in maniera accurata in quanto necessita di requisiti differenti rispetto a quello classico.

I requisiti per ottenere il mutuo liquidità

Qualora tu abbia intenzione di richiedere questo finanziamento devi considerare il fatto che, come strumento fondamentale, devi possedere un immobile. Questo, ovviamente, deve essere completamente sprovvisto di procedure ipotecarie e/o di pignoramento, perciò per ottenere il suddetto prestito devi necessariamente informarti sulla situazione relativa al tuo immobile.

Qualora tu abbia terminato il pagamento del mutuo ma sulla tua casa vi è ancora l’ipoteca, la sola cosa che devi fare consiste nel recarti presso il notaio che ti ha permesso di stipulare l’atto di compravendita della casa e far rimuovere dalle note l’ipoteca. Solamente in questo modo è possibile crearne una nuova che ti permette di ottenere delle liquidità immediate. Considera ovviamente che il tetto massimo di denaro che ti viene concesso dalla banca è quello relativo al valore dell’immobile.

Questo significa che se la tua abitazione è in un ottimo stato e supera tutti i controlli in merito alla sicurezza e all’efficienza energetica, avrai l’occasione di accedere a somme di denaro che sono leggermente elevate rispetto a quelle che otterresti ipotecando una vecchia casa in uno stato tutt’altro che ottimale.

Mutuo-Liquidità

Aggiungi, a questa caratteristica, l’età anagrafica.

Il requisito in questione prevede che tu possa richiedere tale mutuo solo ed esclusivamente se sei maggiorenne e non hai raggiunto i 75 anni d’età. Superata quella soglia, infatti, difficilmente una banca decide di offrirti una liquidità elevata, vista anche la mortalità italiana e il rischio che l’ente potrebbe affrontare nel caso di prematura scomparsa.

Oltre a questi requisiti viene considerata anche la tua posizione lavorativa, in maniera tale che le rate possano essere facili da restituire e tu possa prevenire ogni genere di potenziale complicanza. Pertanto questi sono i vari requisiti che ti vengono richiesti e pertanto solamente superando questi particolari controlli hai la concreta opportunità di poter accedere a quel finanziamento particolare.

I tassi e il calcolo della rata

Ora parliamo invece dei tassi che possono gravare su questo mutuo. Considera che, come per ogni altro prestito al quale puoi accedere, anche per quanto concerne il suddetto ogni banca decide d’imporre dei tassi che sono totalmente differenti tra di loro. Questo significa che, in fase di decisione finale, dovresti cercare un ente che ti permette a tutti gli effetti di ottenere il massimo vantaggio, ovvero un mutuo grazie al quale non dovrai fronteggiare dei costi eccessivi che possono avere delle ripercussioni negative sul piano di restituzione del fidanzamento. In questo caso sappi che la media dei tassi si assesta attorno al 2 percento per quanto concerne quello fisso, mentre il TAEG si aggira sul tre percento.

Facciamo quindi un pratico esempio grazie al quale puoi sapere effettivamente quanto dovrai pagare mensilmente qualora tu decida di richiedere questo finanziamento. Nel caso in cui tu decidessi di richiedere una somma di denaro pari a 50 mila euro e tu abbia 50 anni, la rata del mutuo, la cui durata è di circa vent’anni, si aggira attorno ai duecento euro al mese, i cui tassi sono dell’1,65 per quanto riguarda quello fisso e del 2 percento per il TAEG.

Ovviamente questo è solo un semplice esempio ma considera ovviamente che, come già detto prima, maggiore è il valore del tuo immobile, superiore è la somma di denaro alla quale hai accesso. Valuta anche che non è necessario che tu sfrutti tutto l’importo del valore dell’immobile. Una casa da 100 mila euro può permetterti di richiederne anche 30 mila, in quanto questa è la somma di denaro di cui necessiti per far fronte a tutte le tue diverse spese, dettaglio importante da non sottovalutare.

I costi legati al mutuo

Ora devi sapere che esistono anche dei costi notarili e di creazione del contratto di mutuo. Entrambi possono essere variabili, quindi a seconda della banca alla quale ti rivolgi e al notaio potresti dover fronteggiare delle spese che sono totalmente differenti tra di loro. In questo caso sappi che quelle del notaio non sono quasi mai inferiori ai mille euro, mentre quelle dell’ispezione e delle altre procedure burocratiche per avviare il mutuo sono variabili e generalmente si parla di 500 euro circa per avviare la pratica e di 350 per l’ispezione della casa per valutare la qualità e lo stato della medesima.

Ecco quindi che anche in questo caso è fondamentale che tu svolga una serie di analisi complete prima di procedere alla richiesta di tale mutuo, in maniera tale che il risultato finale possa essere il migliore in assoluto.